Campioni biotecnologici

Studio approfondito delle proprietà del campione per comprendere processi e interazioni complessi

Ottenere informazioni sul comportamento dei materiali utilizzati in campi come l'immunologia applicata, l'ingegneria molecolare e l'ingegneria genetica può essere semplice come determinare la concentrazione di sostanze a diverse temperature, e complesso quanto caratterizzare le nanostrutture e il loro comportamento all'interno di varie condizioni. Anton Paar è un pioniere in molti dei campi richiesti della tecnologia di misurazione e dei metodi di analisi.

Contatti

Anton Paar Prodotti

La tua selezione: Reimposta tutti i filtri X
Tipo di operazione
Standard
Gruppo di prodotti
Tipo di dispositivo
Mostra a di

Non è stato trovato nessun risultato!

Analizzatore elettrocinetico per analisi di routine su superfici solide: SurPASS™ 3 Eco

Analizzatore elettrocinetico per analisi superfici solide: SurPASS™ 3

Analizzatore Ossigeno da processo Oxy 510

Beamline di laboratorio SAXS/WAXS/GISAXS: SAXSpoint 2.0

Bioindentatore (UNHT³ Bio) Anton Paar

Camera a bassa temperatura: TTK 600

La camera umida criogenica CHC plus+ è un'esclusiva combinazione della camera umida criogenica multifunzione CHC e di un generatore avanzato di umidità (RH) per l'analisi tramite diffrazione di raggi X di modifiche strutturali di materiali dipendenti dall'umidità e/o dalla temperatura

Camera umida criogenica CHC plus⁺

Densimetro e misuratore velocità del suono: DSA 5000 M

Densimetro palmare: DMA 35 Basic

Densimetro portatile: DMA 35

Densimetro: DMA 1001

Densimetro: DMA 4100 M

Densimetro: DMA 4500 M

Densimetro: DMA 5000 M

Il rotore per digestione acida 16HF100 con 16 recipienti ad alta pressione è progettato per un'elevata produttività e una manipolazione efficiente.

Digestione a microonde: Rotore 16HF100

HTR Compact: reometro campionatore automatico per un'elevata produttività di campionamento

HTR: reometro automatizzato per la massima produttività e la gestione complessa di campioni

HTX: misura della viscosità, densità, concentrazione di liquidi, elevata automazione ed espansibilità

Litesizer™ 100

Litesizer™ 500

Micro Combi Tester (MCT³)

Micro Indentation Tester (MHT³)

Micro Scratch Tester (MST³)

Modulo misura bevande pH ME e Modulo misura pH ME

Monowave 450: Estrazione automatizzata assistita da microonde

Mulino a sfere BM500

Nano Scratch Tester: NST³

Nanoindentation tester: NHT³

Polarimetro automatico di processo Propol

Polarimetro automatico di processo: Propol

Polarimetro circolare modulare MCP 100

MCP 150

Polarimetro compatto modulare MCP 150

Reometri: MCR 102, MCR 302, MCR 502

Reometri: MCR 72 e MCR 92

The RheolabQC is the quality control rheometer from Anton Paar. RheolabQC with temperature device C-PTD 180/AIR/QC and with Flexible Cup Holder.

Reometro rotazionale: RheolabQC

Abbemat Heavy Duty

Rifrattometri: Abbemat Heavy Duty line

Abbemat Performance e Performance Plus

Rifrattometri: Linea Abbemat Performance e Performance Plus

Rifrattometro in linea L-Rix 5000/5100/5200

SAXSpace instrument

Routine analisi SAXS/WAXS/BIOSAXS: SAXSpace

Scratch Tester Revetest® (RST³)

Basato su una nuova tecnica rivoluzionaria, il nuovissimo reattore da banco Masterwave BTR consente per la prima volta di trasferire la sintesi a microonde su scala Kilolab. La produttività del laboratorio viene così notevolmente incrementata fino a diversi chilogrammi al giorno. L'agitatore a pala del reattore da banco, azionato magneticamente, fornisce regimi di agitazione indipendenti per singolo contenuto. Grazie alla particolare tecnologia di misura della temperatura, Masterwave BTR offre l'accuratezza di temperatura richiesta per il trasferimento diretto da qualsiasi dispositivo a microonde più piccolo.

Sintesi a microonde nel Kilolab: Masterwave BTR

Sintesi a microonde: Monowave 400/200

Sistema automatico di diluizione e dosaggio DDS

Sistema automatico di diluizione e dosaggio: DDS

Sistema di digestione a microonde: Multiwave GO Plus

Software per l'analisi delle particelle: Kalliope™

Cora 5X00 Raman Spectrometer

Spettrometri Raman da banco portatili: Cora 5X00

Cora 7X00 Raman Spectrometer with Fiber-optic probe

Spettrometri Raman da banco: Cora 7X00

Spettrometro Raman portatile: Cora 100

Stadio allineamento controllabile da PC

Stadio di raffreddamento a cupola per goniometri a quattro cerchi: DCS 500

Vista dall'alto del sensore della temperatura T-probe montato sul rotore 8N del Multiwave PRO.

T-probe

Termometri di alta precisione: MKT 50 e MKT 10

Testa di misura per reometro a taglio dinamico: DSR 502

High Temperature Vacuum Tribometer

Tribometro per vuoto (VTHT / VTRB)

Tribometro pin-on-disk: TRB³

Ultra Nanoindentation Tester: UNHT³

Viscosimetro a sfera rotante Lovis 2000 M/ME

Mostra a di

Anton Paar Applicazioni

Lactose Purity According to Pharmacopoeia

Lactose Purity According to Pharmacopoeia

The US and the European pharmacopoeias demand the analysis of the purity of lactose monohydrate polarimetrically. Determining the specific rotation with an MCP polarimeter from Anton Paar ensures high-quality products.

Glycerol

Glycerol

Glycerol is used in various industries as a moisturizer, a thickener, as antifreeze or as a precursor for explosives. Its quality as well as its concentration in solution can be determined by using refractometry.

Quality Control in Drugs

Quality Control in Drugs

Polarimeters are essential in drug quality control to ensure the enantiomeric purity and therefore efficacy of pharmaceutical drugs.

Quality Control of Saline Solution

Quality Control of Saline Solution

Abbemat refractometers from Anton Paar are valuable instruments for the precise analysis of concentration and purity of saline solutions.

Improve Digestion Quality and Save Money – Microwave Digestion rules out Open Digestion

Improve Digestion Quality and Save Money – Microwave Digestion rules out Open Digestion

Reliable elemental analysis results need robust sample preparation to destroy sample matrices or to separate matrix from analytes. The sample preparation step is by far the most error-prone and critical step of the analytical procedure.

In-Situ observation of the scratch/indentation true contact area to provide analysis without being model-dependent

In-Situ observation of the scratch/indentation true contact area to provide analysis without being model-dependent

Nanoindentation approach to mechanical testing of extremely soft materials

Nanoindentation approach to mechanical testing of extremely soft materials

Nanotribological properties of Diamond like carbon thin flexible films on ACM rubber

Nanotribological properties of Diamond like carbon thin flexible films on ACM rubber

Review of Indenter Materials for High Temperature Nanoindentation

Review of Indenter Materials for High Temperature Nanoindentation

Spherical Nanoindentation of Polyacrylamide Hydrogels using the Bioindenter (BHT)

Spherical Nanoindentation of Polyacrylamide Hydrogels using the Bioindenter (BHT)

The Ultra Nanoindentation Tester: New generation of thermal drift free indentation

The Ultra Nanoindentation Tester: New generation of thermal drift free indentation

Gold nanoparticles: Size matters, and so does stability

Gold nanoparticles: Size matters, and so does stability

Gold nanoparticles are now used in many fields, from medicine to electronics, but each application has specific particle-size and stability requirements. Gold nanoparticles can be easily monitored with the Litesizer™ 500.

Applications of nanoindentation in biology and medicine

Applications of nanoindentation in biology and medicine

Nanoindentation for biological materials

Intrinsic bone tissue quality is altered in osteo-porosis and selectively influenced by its treatments

Intrinsic bone tissue quality is altered in osteo-porosis and selectively influenced by its treatments

Nanoindentation for bone and mineral materials

Identifying three different particle sizes in one sample with DLS

Identifying three different particle sizes in one sample with DLS

Particle suspensions often contain more than one size of particle. However, many particle analyzers cannot resolve particle mixtures, instead they detect an average of all sizes. The Litesizer™ 500 can detect three sizes in one sample.

Nanoparticles for Ceramics: Size, Stability & pH

Nanoparticles for Ceramics: Size, Stability & pH

In nanoparticle suspensions that will be used in ceramics, particle size and stability are of vital importance. Suspension stability is essential to ensure that the particles to stay in suspension, and maintain constant particle size.

Temperature-dependent GISAXS studies on thin films

Temperature-dependent GISAXS studies on thin films

The temperature-induced decomposition of a thin film structure has been studied using the SAXSpoint system with the new temperature-controlled GISAXS stage.

An insight into the Structure of Copolymer Surfactants

An insight into the Structure of Copolymer Surfactants

The structure of inhomogeneous (core-shell) nanoparticles was studied with the SAXSpoint system. The internal structure of Pluronic P123 micelles in water was determined by calculating the radial electron density profile.

Collagen - A Validation Sample for SAXS Systems

Collagen - A Validation Sample for SAXS Systems

The performance of the SAXSpoint 2.0 system is evaluated by measurements of tendon collagen. SAXSpoint 2.0 produces data with excellent resolution in the entire angular range and delivers true 2D SWAXS images.

Understanding Filter Efficiency - Virus Removal in Depth Filtration

Understanding Filter Efficiency - Virus Removal in Depth Filtration

Zeta potential, as the indicator for surface charge, helps to predict and to tune the efficiency of filter materials.

Surface Modification of Kapton® Films

Surface Modification of Kapton® Films

The zeta potential is a valuable parameter to follow polymer surface modifications and to tailor-make biocompatible devices for medical applications.

Inner Surface Treatment of Haemodialysis Membranes

Inner Surface Treatment of Haemodialysis Membranes

The zeta potential measurement assists in the improvement of the biocompatibility of haemodialysis membranes.

Tuning of Solid Surface Properties by Self-Assembled Monolayers

Tuning of Solid Surface Properties by Self-Assembled Monolayers

The zeta potential measurement assists in tailoring the properties of technical and biomedical surfaces using self-assembled monolayers.

Correlating Viscosity and Particle Size Parameters determined by Small Angle X-Ray Scattering Studies of concentrated MAb Solutions

Correlating Viscosity and Particle Size Parameters determined by Small Angle X-Ray Scattering Studies of concentrated MAb Solutions

Monoclonal antibodies (MAb) solutions are a major class of biopharmaceuticals with various applications. However, challenges like a high viscosity at the required MAb concentrations need to be addressed at an early development stage.

Studying the Effect of Tear Fluid on Contact Lenses

Studying the Effect of Tear Fluid on Contact Lenses

The zeta potential indicates changes in the surface chemistry of contact lenses upon wearing and is thus suited to study biocompatible surface coatings.

Size and shape of gold nanoparticles in toluene via SAXS

Size and shape of gold nanoparticles in toluene via SAXS

A solution of colloidal gold nanoparticles was characterized for size and shape by the SAXSpace system.

Vantaggi

Studio della cinetica dei processi di trasporto mostrata da goccioline di emulsioni nanostrutturate per garantire un controllo efficace del rilascio dei farmaci

Quando si studia la potenziale applicazione delle micelle come veicoli per la consegna di ingredienti attivi, le determinazioni della stabilità devono essere integrate studiando la struttura interna delle micelle. Poiché la loro struttura interna dipende dalla loro composizione, possono essere utilizzati gli esperimenti SAXS risolti nel tempo per monitorare i cambiamenti della struttura coinvolti nella cinetica di trasporto delle goccioline di emulsioni nanostrutturate, come l'assorbimento e il rilascio di ingredienti attivi tipo le vitamine e gli enzimi. I requisiti principali per il successo di esperimenti SAXS risolti nel tempo, elevata intensità congiunta a elevata risoluzione, sono soddisfatti con SAXSpace, che fornisce dati di elevata qualità in tempi di misura brevi.

Ricerca delle proprietà elastiche e meccaniche degli idrogel

Molti idrogel sono considerati potenziali candidati per la sostituzione, la rigenerazione, il supporto o come substrati di crescita per i tessuti molli del corpo umano. Ricerche recenti (Discher e al., 2005; Moers e al., 2013) hanno dimostrato che l'elasticità del substrato può influenzare in modo significativo l'omeostasi dei tessuti, aspetto importante per la rigenerazione dei tessuti. Di conseguenza la determinazione delle proprietà elastiche e meccaniche dei substrati biologici è di primario interesse. Le proprietà di modulo elastico e scorrimento possono essere facilmente studiate con il Bioindenter di Anton Paar in quanto lo strumento è compatibile con i test nei liquidi e può operare in varie modalità di caricamento. Può, inoltre, essere studiata la risposta in funzione del tempo degli idrogel.

Determinazione della viscosità intrinseca e della massa molare

Gli effetti biologici dell'acido ialuronico possono essere personalizzati a fini farmaceutici modificando la sua massa molare. L'acido ialuronico ha una breve emivita nel corpo; per alcuni scopi, ad esempio nella chirurgia plastica, la sua stabilità deve essere aumentata aumentando la massa molecolare. Il microviscosimetro Lovis 2000 M/ME determina la viscosità dell'acido ialuronico disciolto. La viscosità intrinseca viene calcolata automaticamente dalla viscosità relativa dell'acido ialuronico e del suo solvente. La viscosità intrinseca fornisce lo stesso contenuto informativo della massa molare. Tuttavia, la massa molare può essere anche calcolata in base all'equazione di Mark-Houwink e letta direttamente dallo schermo. Se richiesta, la dipendenza dalla velocità di deformazione a taglio può essere eliminata effettuando un'estrapolazione automatizzata zero-shear.

Studio delle proprietà delle superfici per garantire la biocompatibilità degli impianti

Le proprietà della superficie come la carica superficiale indicano la biocompatibilità di una superficie. A seconda dell'applicazione di un biomateriale, è richiesta una superficie con bassa oppure alta affinità con le proteine. Nell'ingegnerizzazione dei tessuti e nella medicina rigenerativa, l'adsorbimento delle proteine induce l'integrazione dei materiali trapiantati, mentre in altri casi un'elevata adesione delle proteine può portare alla formazione di trombi. L'analisi del potenziale zeta con lo strumento SurPASS di Anton Paar fornisce informazioni sulla carica superficiale a pH fisiologico e sulla chimica dei gruppi funzionali superficiali. Il segno e ed il valore assoluto del potenziale zeta sono usati per valutare l'interazione elettrostatica tra la superficie solida ed una specie carica disciolta nella soluzione acquosa circostante.