2018-07-12 | Corporate

Aiuto pratico per molti campioni

Le belle storie come questa ci venivano raccontate dai nostri genitori quando eravamo bambini, e iniziavano spesso con "C'era una volta". Anche questa storia inizia così. C'era una volta un reometro, un dispositivo di misurazione per determinare il comportamento dei materiali in termini di deformazione e flusso. Non si trattava solo di uno, bensì di quattro dispositivi hi-tech dell'azienda Anton Paar, con soluzioni intelligenti dettagliate. Questi dispositivi, che hanno il nome di MCR 102, MCR 302, MCR 502 e MCR 702, soddisfano tutti i requisiti reometrici di un cuore analitico. C'è solo una cosa che non sono in grado di fare: non riescono a misurare automaticamente molti campioni.

Proprio questa è stata la richiesta espressa da un'importante casa automobilistica europea, che ha portato al lancio del sistema "HTR"; spiega Alexander Schmied, project manager del sistema HTR di Anton Paar. "HTR" è l'acronimo di "high throughput rheology" (in italiano "reologia a elevata produttività") e combina i reometri di Anton Paar con un sistema di campionamento automatico. Questo sistema rappresenta il successore del dispositivo ASC32 ed è assemblato nello strumento "HTR compatto" (con i dispositivi MCR 102 e MCR 302) e nella versione "HTR" (con i dispositivi MCR 502 e MCR 702).

Una seconda casa automobilistica ha ordinato di recente tre HTR compatti. In questi strumenti è possibile memorizzare fino a 36 campioni. Sono disponibili due tipi di becher a seconda della quantità di campione. Nella prima fase, un braccio a pinza alimentato ad aria compressa prende un bicchiere di misurazione contenente un campione e lo colloca, se desiderato, in una camera a temperatura controllata, con temperature dai -10 agli 80 °C. Nel dispositivo HTR compatto è possibile alloggiare fino a tre camere di questo tipo. Se la temperatura è adeguata, il campione viene trasferito automaticamente nel reometro MCR, dove verrà misurato. A seconda delle esigenze, il processo di misurazione potrà durare da un minuto a diverse ore. Al termine di ogni analisi, lo strumento pulisce automaticamente l'asta di misurazione e azzera il bicchiere di misurazione.

"Il sistema è in grado di misurare fino a 36 campioni, singolarmente. Solitamente questo avviene di notte", spiega il project manager Alexander Schmied. Il primo dispositivo di misura di questo tipo è stato introdotto nel 2016 presso una casa automobilistica, dove la qualità delle vernici delle auto viene controllata in modo automatico. Lo stesso succede in un'altra casa automobilistica europea che ha appena ordinato tre dispositivi. Un altro dispositivo di questo tipo viene impiegato da un'azienda produttrice di cosmetici nell'Europa centrale per l'analisi di dentifrici e shampoo.

I tempi di consegna dei sistemi HTR (il modello HTR 302 compatto è quello più richiesto) sono di circa sei mesi. Il processo di assemblaggio nel reparto di Automazione e Robotica della sede centrale di Anton Paar a Graz dura circa un mese e mezzo, a cui seguono i test con i campioni dei clienti, e solo dopo aver ricevuto l'OK del cliente, il sistema HTR viene spedito all'interno di una scatola di legno. Il reometro viene fornito separatamente, installato in loco e messo in funzione dagli specialisti nei servizi di assistenza di Anton Paar.

Molte storie vecchie si concludono con "e se non sono morti, continuano a vivere oggi". A distanza di molti anni, infatti, molti dispositivi Anton Paar continuano a essere usati e funzionano come il primo giorno: una garanzia di precisione e qualità. Questo sarà anche il destino del sistema HTR.